Ottobre 2007: il libretto delle assenze.

Nei miei editoriali mi sfogo spesso sul grado di (in)civiltà di questo Paese e talvolta mi domando se non sia noioso da parte mia tirare a mezzo le solite questioni sugli sprechi dei politicanti e le conseguenti inefficienze  a danno di chi produce, se per caso non faccio la parte del vecchio brontolone che magari, sì, ci avrà pure ragione...ma così va il mondo.
Però ad ogni piè sospinto mi si dà l'occasione per iniziare una nuova litania sull'argomento.
Ai vostri tempi si pagavano i libretti delle assenze? No? Bene, aggiornatevi. I soldi per il libricino verde oggi lo Stato non ce li ha e ce li dobbiamo mettere noi.
Devo dirvi a questo punto che i soldi per i loro lazzi quei signori li trovano sempre? Devo dirvi che, mentre ci segano le pensioni, loro sono ben zelanti a non danneggiare le proprie, mantenendo in vita il governo almeno fino al punto sotto al quale non ne avrebbero diritto?
E che pensioni! Mica come quelle che (forse) avremo noi!

Altro argomento: il mio QuaIrrCert.jpg (24329 byte) è prossimo alla pubblicazione.
Ne ho un certo numero di copie, se ne volete una copia in anteprima firmata, non avete che da scrivermi, vi dirò come fare.
Ci si vede il 27 Ottobre a Padova per la fiera "Auto e Moto Di Ogni Epoca" 

Au Revoire
Votre Webmaster   

Vai all'editoriale del mese corrente