MAGGIO-GIUGNO 2010: En avant?


Chi mi conosce, sa che non amo i ritorni dal passato. Non li amo dal punto di vista concettuale e non li amo dal punto di vista psicologico. Non ho mai compreso chi passa la vita nella palude limacciosa del rimpianto, chi passa ore col volto cupo e il pensiero rivolto ad anni lontani, a rimuginare (e ad idealizzare) antichi amori, passate amicizie, vecchi oggetti o desueti modi di essere.
I poveri di spirito, coloro che amano la rassicurante coltre dei luoghi comuni, mi accusano di "freddezza" quando non di cinismo, ma non è così.
La mia è solo piena coscienza che il passato sia un tempo sicuramente da studiare, ma altrettanto sicuramente da archiviare.
Dirò di più: è soprattutto il presente che va mutato e non auspicando con occhio umido il ritorno di un ipotetico e mitizzato passato migliore dei nostri giorni (qualsiasi esso sia) come è uso fare a destra e a manca, ma andando oltre imponendosi di lavorare per superare le contraddizioni del presente.

Qualcuno rimpiange il telegrafo? Qualcuno rimpiange le strade lorde di sterco di cavallo? Qualcuno rimpiange la mortalità infantile degli anni '50? Qualcuno rimpiange la Topolino amaranto?
Qualcuno rimpiange il feudalesimo? Lo Stato Pontificio? Il Lombardo-Veneto? Le Gemelle Kessler?
Lo conoscete? Giratene al largo. Lasciatelo a sguazzare nelle sue banalità e soprattutto non perdete tempo a discuterci: come cavare sangue dalle rape e come gettare le proverbiali perle ai porci.

Qualcuno rimpiange la DS? La CX?
Tabù! Nervo scoperto! Ora Marietto si frega da solo!
No, il mio non è rimpianto, è studio ed amore per le cose belle, lo stesso amore che riservo per l'attualissima C6 che se potessi permettermela sarebbe già nel mio box da un pezzo.

Si potrà quindi capire quanto poco abbia in simpatia le reinterpretazioni in chiave moderna delle automobili del passato, furbeschi escamotage in soccorso all'ispirazione di stilisti e carrozzieri poco ispirati.

La nostra Casa-Automobilistica-Del-Cuore da tutto ciò, oggi, ne sta alla larga? Attinge dalla propria storia? Scopiazza dalla storia degli altri? Inventa? Propone? Inciampa come inevitabilmente inciampano gli innovatori? 

Che ognuno di voi di un'occhiata alla gamma odierna, che ognuno di voi si dia una risposta.
Vi stimo troppo per pensare che abbiate bisogno della mia.  
 

Votre Webmaster

Vai all'editoriale del mese corrente